Roma Suona

Spring Attitude 2016
31 marzo 2016

A maggio Roma capitale della Musica elettronica con Spring Attitude

Roma si prepara a tornare capitale della musica elettronica con Spring Attitude 2016.

La VII edizione del Festival Internazionale di Musica Elettronica e Cultura Contemporanea, in programma dal 19 al 21 maggio, riparte dal successo dello scorso anno, quando si registrarono oltre 12.000 presenze.

Performance (dj set, live concert), Arts&New Media e – novità di quest’anno – Educazione (workshop e conference) sono le tre sezioni attraverso le quali si articola la manifestazione.

Anche per questa edizione si rinnova la scommessa di rendere Roma una Capitale più internazionale, attraverso un programma di altissimo livello e una festosa invasione di spazi museali e spazi riconvertiti. Come sempre cuore pulsante del festival saranno alcune delle location più suggestive della città: il MAXXI – Museo nazionale delle Arti del XXI secolo, l’Ex Caserma Guido Reni, complesso industriale restituito recentemente ai cittadini, e lo Spazio Novecento, campione di razionalità dell’Eur. L’attenta selezione degli ambienti è infatti uno dei tratti distintivi di Spring Attitude, nella convinzione che ascoltare i suoni del contemporaneo in uno scenario inusuale renda l’esperienza ancora più unica.

Punta di diamante di una line up di altissimo valore artistico saranno gli AIR: nome storico della scena elettronica mondiale, fra i fondatori di quel ‘french touch’ che ha segnato in profondità la ricerca degli ultimi anni. Spring Attitude 2016 sarà l’occasione per assistere il 21 maggio in anteprima al ritorno live del duo francese assente dai palcoscenici di tutto il mondo dal 2010.

Questo il programma nel dettaglio:

GIOVEDI’ 19 MAGGIO

Si parte dal MAXXI, con la serata inaugurale presentata dalla Redbull Music Academy – main sponsor del Festival – impreziosita dalla performance site specific “Altera LVSS”, video-mapping ad alto impatto spettacolare che illuminerà per la prima volta nella storia del Museo nazionale delle Arti del XXI secolo le vertiginose geometrie realizzate da Zaha Hadid.

A partire dalle ore 20.00, si esibiranno alcuni degli artisti più rappresentativi delle scena elettronica e sperimentale mondiale: il producer britannico Gold Panda, che presenta in anteprima il nuovo album “Good Luck And Do Your Best” in uscita a fine maggio; i francesi Acid Arab che arrivano a Spring Attitude in collaborazione con l’Institut Français – nell’ambito della rassegna La Francia in Scena – per coniugare nel loro live set l’essenzialità dei dancefloor con i suoni ancestrali dell’Oriente; ed ancora i Red Axes, che uniscono le origini medio-orientali con le esperienze musicali fatte nel vecchio continente; ed infine :Absent., uno dei progetti musicali di Ettore Bianconi, musicista e sound designer in attività da quasi 10 anni, con un live caratterizzato da un’elettronica strumentale che abbraccia suoni reali e campionamenti.

Sempre il 19 maggio sarà inaugurata ufficialmente anche la sezione Arts & New Media diretta da Caterina Tomeo con il progetto SPRING+ON, dedicato a opere dal vivo che nascono da un contesto ibrido e multilingue. Figure autorevoli della scena internazionale come John Duncan, Rafael Anton Irisarri, Davic Nod, Giorgio Gigli feat Lord Z., None presenteranno le produzioni più recenti focalizzate su performance audiovisive, live act, ambienti interattivi, esperienze percettive di suoni, visioni e spazi.

VENERDI’ 20 MAGGIO

La seconda giornata del Festival, in programma all’ex Caserma Guido Reni, sarà caratterizzata dall’attesissima performance di Pantha du Prince che presenterà al pubblico della Capitale il nuovo lavoro in uscita a maggio, a 6 anni di distanza dall’ultimo album.

Protagonisti di questa giornata saranno anche il francese Rone, uno degli artisti più illuminati nel campo della musica elettronica che arriva grazie alla collaborazione con l’Institut Français; l’austriaco Dorian Concept, in collaborazione con il Forum Austriaco di Cultura, direttamente dalla scuderia Ninja Tune; lo spagnolo Pional, definito da molti il miglior talento nascosto di tutta la scena elettronica spagnola. E poi ancora DJ Tennis, i cui dj set sono tra i più ascoltati sulle piattaforme digitali; i Lust for Youth, con il loro pop sognante pieno di sintetizzatori; il cantautorato contemporaneo di Cosmo; Jessy Lanza, figura cult dell’underground, reduce da una collaborazione recente con Caribou, che presenterà in anteprima al Festival il seguito del suo folgorante album di debutto. A chiudere il programma Clap!Clap!, alias Cristiano Crisci, l’artista elettronico italiano più in ascesa all’estero, chiamato ad esibirsi a Londra ai prestigiosi World Wide Awards di Gilles Peterson.

SABATO 21 MAGGIO

Il giro del mondo in tre giorni si concluderà sabato 21 maggio. Nel pomeriggio alla Ex Caserma Guido Reni saranno protagonisti: Go Dugong e la sua musica sospesa tra hip-hop ed elettronica; gli stilemi house smontati e rimontati da Young Marco, uno dei regali più belli dell’Olanda alla club culture contemporanea; l’eclettico Krystal Klear, capace di scivolare abilmente tra funk, house, disco, soul ed electro; l’elettronica pulsante con richiami nu-rave degli Anudo e il trip hop psichedelico e ballabile di Lamusa. Il festival poi si sposta nella notte per il rush finale allo Spazio ‘900, dove, oltre agli attesissimi headliner AIR, si esibirà anche uno dei più autorevoli esponenti della musica elettronica contemporanea: il coltissimo ed elegante Matthew Herbert, altro gioiello che brilla nella programmazione sapientemente costruita dal Direttore Artistico Andrea Esu.

Sul palco si alterneranno poi il sud-coreano Hunee, il berlinese Max Graef b2b Glenn Astro, e, da Chicago, Dj Paypal, con la sua abilità nel saper combinare disco e ritmiche concitate del footwork, l’hip hop mainstream e un funk stralunato e irregolare.

Last but not least, la folta pattuglia italiana protagonista della serata finale: Iosonouncane, grande protagonista dell’annata 2015 con il suo album “DIE”; Matilde Davoli, padrona di territori sospesi fra folk, elettronica ed echi alla Stereolab; Bienoise, che con il suo album “Meanwhile, Tomorrow”, uscito l’anno scorso, ha dato vita ad uno dei dischi di elettronica italiani più visionari e raffinati mai prodotti; il producer Not Waving che farà ballare il pubblico a suon di electro, richiami techno e punk ed infine l’house sensuale di Ma Spaventi.

Grande novità di quest’anno inoltre la sezione Educazione: Spring Attitude si apre alla formazione in collaborazione con RUFA – Rome University of Fine Arts, con 2 workshop sulla relazione fra suono e arti visive: il primo, “RED SKY”, tenuto dall’artista multimediale John Duncan si rivolge agli studenti, mentre ai più piccoli e alle famiglie è riservato il workshop “Mi ricordo un suono”, sorta di esperimento-gioco volto a realizzare una mappatura sonora della città.

Prevendite: http://www.springattitude.it/2016/buy-tickets/

Per info:

www.springattitude.it

www.facebook.com/Springattitude

www.twitter.com/spring_attitude

www.instagram.com/spring_attitude

www.youtube.com/user/SpringAttitudeVideo

Commenta

La tua email non sarà pubblicata.Compila i campi segnati. *

*

Articoli correlati

Iscriviti al blog tramite e-mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Hai un band o una struttura?

Cosa aspetti ad iscriverti a RomaSuona e a far sentire la tua voce nello spazio online più rumoroso della capitale?!

REGISTRATI

RomaSuona su Twitter
  • 8 mesi ago

  • 9 mesi ago