Filippo Andreani è uscito Il Secondo Tempo la recensione

0
324
Filippo Andreani_il secondo tempo

E’ sempre pericoloso realizzare un concept sul calcio.

Ma questo “Il secondo tempo” (non a caso finalista al Premio Tenco 2018 nella categoria
“miglior album”) non è solo un disco sul gioco più inflazionato e sopravvalutato del mondo. E’
molto di più.

E’ una raccolta di storie, ricordi, racconti; è una metafora che usa come spunto il calcio per
raccontare le storie di chi la possibilità di un secondo tempo non l’ha avuta; è un viaggio che
parte da quasi un secolo fa, si sofferma sull’epoca più importante – l’infanzia – e si interrompe
bruscamente con un episodio simbolo che rappresenta la fine dell’età dell’innocenza; è un
omaggio ai grandi Cantautori italiani e – dunque – alla Poesia.

L’autore è Filippo Andreani, comasco, classe 1977, ex membro di una Punk band, ex avvocato, appassionato di calcio e fiero sostenitore della vita di provincia.

E’ un album importante, questo, forse il più importante dei quattro prodotti al momento. Dal
punto di vista musicale, segna un ulteriore avvicinamento a quei cantautori che, in fondo, sono sempre stati nel background culturale dell’artista, anche quando faceva Punk. Questo permette a Filippo di dare il meglio di sé per quanto riguarda le liriche che in alcuni punti toccano, come detto, la Poesia:

“In questo disco racconto di altri per parlare di me stesso. Soprattutto di quello che mi rimane addosso del Filippo bambino. Scrivendone, mi sono reso conto di essere ancora fatto così. E questa è senza dubbio la migliore scoperta dei miei primi quarant’anni”. Più chiaro di così…

Un disco di storie, dicevamo. C’è il tutto coraggio di Michele Moretti, terzino-partigiano del
Como Anni ’30, che si rifiuta di stendere il braccio nella foto di squadra; ci sono il Genio e
l’autodistruzione di George Best, figlio di Anna (vera protagonista della canzone), dalla quale il calciatore ha ereditato la fatale dipendenza dall’alcol; ci sono poi due delle tragedie più dolorose del secolo scorso, quella del Grande Torino e quella di Alfredino Rampi. E poi le voci, i suoni, echi lontani. Tutti vivi ed attuali.

Tanti personaggi, dunque, protagonisti delle singole storie. Ma tanti, tantissimi sono anche gli
amici ed i colleghi che hanno accompagnato Filippo in questo progetto. A cominciare da Guido Guglielminetti, bassista, produttore artistico e (non a caso) collaboratore storico di Francesco De Gregori. Troviamo poi, in ordine sparso, Valerio Mastandrea, (voce dell’intro iniziale “Il Primo Non Esiste”), Militant A, leader di Assalti Frontali, la voce dialettale di Eugy dei Bull Brigade e addirittura Ezio Vendrame, voce narrante nell’outro finale intitolata sempre “Il Primo Non Esiste”.

Tra i musicisti, si segnala la presenza dello stesso Guglielminetti (basso in “Il ragazzo e il
capitano”), di Carlo Gaudiello al pianoforte e di Lalla Francia ai cori.

C’è chi ha definito questo “un disco pop”. No, a nostro avviso sarebbe riduttivo. Se proprio
vogliamo dargli un’etichetta, possiamo pensarlo come un lavoro realizzato nel solco più classico dei grandi cantautori italiani Anni ‘70, che nonostante sia smaccatamente e dichiaratamente retro e vintage, è molto più vivo, attuale e pulsante di tutto quel che esce dai talent.

Questo, come detto, se proprio vogliamo sprecare parole per cercare di classificarlo. Altrimenti, possiamo dire che “Il secondo tempo” è uno dei dischi più belli ed interessanti usciti negli ultimi anni, pieno di idee, storie e suoni, assolutamente da non perdere.

L’uscita ufficiale del disco è stata preceduta, a fine 2017, dalla pubblicazione di 500 copie in
vinile (con un ricchissimo booklet illustrato dall’artista vicentino Osvaldo Casanova), affidate per la vendita ad una selezione di negozi specializzati e andate sold out in un mese. Motivo della scelta? La volontà di Filippo di aiutare i (pochi) negozi fisici che cercano di sopravvivere,
nonostante l’avanzata del digitale. Un’altra ottima ragione per acquistare questo lavoro.

Marco Cavalieri

Track List:

IL SECONDO TEMPO – Tracking list
1. Il Primo Non Esiste (intro)
2. Santandrea
3. Il Cielo di Superga
4. Ninin
5. Firmato Beppe Viola
6. Il Figlio di Anna Best

7. Mia
8. Michele Non Saluta
9. Come Se Nulla Fosse
10. Aldo e Lucia
11. Il Ragazzo e il Capitano
12. Il Primo Non Esiste (outro)