Francesco di Giacomo

0
1762

In questi mesi ho provato un paio di volte a mettermi davanti alla tastiera e scrivere di lui, di come l’ho conosciuto, scrivere e raccontare un uomo.

Raccontare  anche quello che rappresentava per me Francesco Di Giacomo musicista;  non ci sono mai riuscito, qualunque cosa abbia tentato di scrivere mi sembrava banale e priva di significato, vuota, inutile.

Ci riprovo oggi sperando di scrivere qualcosa di vagamente leggibile e sensato, ma non è facile per niente.

Il primo concerto del Banco che vidi fu quello al convento occupato che stava alla fine di via Cavour, erano gli anni settanta.

Il primo disco lo comprai con tanti sacrifici quando ero ancora un ragazzino, mi mettevo i soldi da parte come un carbonaro, era il 1972 o 73 non ricordo con precisione, ma Darwin mi cambiò la vita, e chi ha la passione per la musica sa esattamente di cosa parlo, certo assieme a quel disco così pieno di musica ascoltavo anche Jimi Hendrix, i Pink Floyd e tutte le “fermate” musicali che un adolescente faceva all’epoca.

Lo chiamavano Big perchè era veramente Grande, lui, immerso in quella tuta che faceva parte di lui. Li vidi tante volte dal vivo, anche a Villa Ada con l’orchestra e i ballerini, non avevo mai visto uno spettacolo del genere, e in quanto ragazzino qualunque cosa mi incuriosiva, mi entusiasmava, e quello spettacolo mi è rimasto piantato nel cuore come una saetta.

Ma la vita ogni tanto ti riserva le “sue” belle sorprese; iniziai a fare radio e iniziai a vivere il mondo della musica più da vicino, finchè un giorno la mia vita, e la vita del Banco si incrociarono dentro una radio e davanti ad un microfono. Credo di averli travolti di domande, restammo un paio d’ore in diretta a parlare di musica; c’era Vittorio, Francesco, e Rodolfo, penso di avergli chiesto qualunque cosa, ma loro se ne stavano li tranquilli e sereni a rispondere alle domande di un ragazzetto matto che straparlava. Grandi professionisti.

Poi un giorno di molti anni dopo, di molte interviste e molti concerti, li incontrai per caso in un paesino della Toscana, fu proprio lì che conobbi l’uomo Francesco Di Giacomo. Un uomo innamorato dell’arte, un appassionato di tutto e con tanta voglia di “sapere”, era uno che guardava la scena complessiva e si innamorava dei particolari. Ma era anche un compagnone, uno di quelli che quando “raccontava” si faceva ascoltare, ma era anche uno che ascoltava molto, ti guardava e rideva nascosto dietro quella sua barba eterna.

I “dopo concerto” erano dei triclini, nonostante suonassero in media 2/3 ore, alla fine di ogni concerto uscivano e si mettevano a chiacchierare con tutti, saluti da una parte, abbracci dall’altra, “che mi firmi questo disco? che ti fai una foto? ” e loro li pronti e sempre disponibili, Francesco era il più fracassone di tutti, rideva e scherzava come un ragazzino al primo giorno di scuola (chi è stato ai loro concerti mi è buon testimone), mai una parola fuori posto verso il suo pubblico (eppure, “noi” pubblico siamo dei veri rompicoglioni diciamocelo) che poi alla fine, molti di quelli che andavano ai loro concerti erano diventati quasi “di famiglia”.

Ho avuto occasione di conoscerlo anche più profondamente Francesco, in uno studio di registrazione alle prese con un disco, sono stato li per degli interi pomeriggi mentre il Banco scriveva “13” e sono riuscito ad apprezzarlo anche in quei frangenti così complicati e quasi “mistici” mentre con un pezzetto di carta e una matita, appoggiato ad uno spigolo del tavolino di fronte ad una vetrata, scriveva i testi del disco, e poi se li rileggeva, poi se li cantava nella testa, e poi li cantava veramente, e di tanto in tanto si girava e diceva… “a Vittò che dici te piace?!” “a Rodò, prova un pò a mettece na chitaretta”.

Ecco, lui era fatto così, era uno leggero perchè tutto gli scorreva lieve, e anche un disco che è una cosa davvero impegnativa, gli scorreva lieve addosso, gironzolava per le stanze, alzava gli occhi, si fermava, ripartiva, cantava, ti guardava….”a Sandrì che dici pò annà!?!?” e io gli rispondevo- a Francè, ma io….ma che ne so, mica faccio il musicista” e lui dietro la sua barbona se la rideva pacifico e sereno come una laguna.

So per certo, che tanta gente che lo ha conosciuto potrebbe raccontarvi altrettanti aneddoti, altrettanti momenti di vita, potrebbe raccontarvi più e meglio di me quell’essere umano che viveva forte dentro i suoi occhi.
Aveva quegli occhi che ti spiazzavano, perchè erano pieni di musica, pieni di gesti accennati, di sorrisi quasi nascosti per la tanta timidezza che esprimevano, e tutti se lo coccolavano come fosse uno di famiglia, perchè lui ti ci faceva sentire uno di famiglia, anche solo se ti incrociava con un semplice sguardo, e solo le persone molto pulite riescono in questo difficilissimo gesto.

Mi piaceva quell’uomo, perchè era uno che veleggiava.

Prince Faster

 

Francesco di Giacomo