Il nuovo album dei Funkin’donuts Neverending Funk la recensione

0
423

I primi passi dei Funkin’ donuts iniziano nel 2011 con l’idea di Simone Romani e Tommaso Patti di formare un band funk.

Nel 2013 la neo-band pubblica Funk Tasty KO, il primo EP, completamente autoprodotto, al quale segue una lunga serie di live in giro per la capitale e dintorni.

Con una nuova formazione, nel 2015, esce il primo album IN case of Emergency, un lavoro di stampo essenzialmente funk su base crossover in senso stretto, con consistenti prelievi “ematici” da Red Hot Chili Peppers, Rage Against The Machine, Stevie Wonder (cover di Superstition) e James Brown. Nello stesso anno esce il videoclip del primo singolo Mary Jane.

L’attuale formazione, con Simone Romani (chitarra), Tommaso Patti (basso), Davide Benevento (voce), Danilo Tarantino (tastiere), Stefano Mazzucca (batteria), è l’artefice del secondo album intitolato Neverending Funk.

L’album  è stato presentato al pubblico il 7 Aprile con un concerto durante il quale sono state offerte al pubblico donuts, le famose ciambelle americane (sembra sia una tradizione della band).

In confronto al precedente, in questo album, emerge una più forte identità di genere nei singoli brani che ora si configurano in modo più determinato. Sempre coerenti al “funk-rock” e ad un aggiornato crossover, i Funkin’ donuts, mettono un po’ di profumo di limone al sapore delle loro ciambelle, facendo emergere qui e là ricorrenze acid alla Jamiroquai.

Già dal primo brano Big Opportunity è evidente questo cambiamento; sound rock e voce graffiante caratterizza invece Rise so low con qualche richiamo addirittura ai SOAD nel melodico “prima dopo la tempesta”; suoni duri e morbidi sono alternati invece in Without control; in Hit it and quit un assolo di voce riporta alla memoria la celebre The Great Gig In The Sky degli inarrivabili Pink Floyd ed infine un inaspettato Solitario ci regala un autentico brano rap in italiano alla Frankie hi-nrg.

Quest’album dall’ascolto piacevole, non impegnativo ma tutt’altro che monotono mostra la tendenza dei Funkin’ donuts ad andare in una direzione autonoma, quasi da aspettarsi, come prossimo step, una sfornata di ciambelle con una ricetta totalmente propria ….. staremo a vedere.

Sira De Vanna

Line-Up

Simone Romani (chitarra)

Tommaso Patti (basso)

Davide Benevento (voce)

Danilo Tarantino (tastiere)

Stefano Mazzucca (batteria).

 

Tracklist

1.Big Opportunity

2.Rise So Low

3.Dancing Generation

4.Foreign Fighters

5.Funk Ain’t No Low

6.Without Control

7.Hit it and quit

8.Joe

9.Solitario

10.Roy the Gravedigger