Il video dei Veeblefetzer on the road

    0
    29

    I romani Veeblefetzer non si possono definire dei pigri proprio perché portano la loro musica in giro realmente per il mondo.

    D’altra parte la loro patchanka musicale, fatta di rock, pop, folk, balkan, è proprio un mix di culture e ritmi che piace ad ogni latitudine e longitudine. E poi si adattano a qualsiasi palco, sia quello di un club che quello della strada dove la band si trova altrettanto a suo agio.

    A testimoniarlo è proprio il loro nuovo video “The edge of a street” con la band che fa vivere ad ognuno l’esperienza e la bellezza di suonare live dovunque.

    Gianluca Polverari

     

    VEEBLEFETZER

    I Veeblefetzer hanno creato un autentico intreccio di indie-folk, psycho gypsy swing, rock’n’roll e reggae. Questo mix li rende una band unica e spontanea, artistica al cento per cento, fascinosa, ma anche un po’ maledetta, come può esserlo un poeta o un artista di strada. Una notte un folle li ha descritti come i Tom Waits del 3000. Un carico di blues che viaggia tra Kingston e New Orleans, tra Sud America Balcani.. immaginatelo, Tom Waits che festeggia tre giorni di fila in compagnia di Lee “Scratch” Perry e Joe Strummer al matrimonio di Emir Kusturica.
    La voce graffiante e potente del cantante, i vestiti e l’atmosfera unici, sembra di essere approdati in un grande e bellissimo circo dove a fare le acrobazie è il suono. [100decibel.com]
    La domanda di rito “Perché Veeblefetzer?? ”: E’ un desueto termine yiddish usato in riferimento a qualsiasi misterioso ed articolato marchingegno. Come un gruppo che fuori dalle etichette dei generi musicali costruisce nota su nota il proprio ingranaggio musicale.

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    *