Leila esordio con passione

0
137
Leila

E’ l’ultima nata in casa “Lapidarie Incisioni”, una delle label indipendenti romane più attive in città.

Uno scricciolo di artista che rappresenta quel mondo di mezzo che sta tra lei e la luna.

Leila ciondola tra lo stile classico della canzone d’autore, e la voglia di contaminare quel terreno “decadente” e scapigliato così tanto battuto nel corso degli anni, di cui manteniamo profonda memoria e riferimenti storico culturali.

La voce di Leila è semplice e sottile al punto che, non paventa la necessità di esternarne una ben definita caratteristica, che anche se non sembra peculiare, assume una sua ben precisa connotazione stilistica fatta di sussurri, cantilene fanciullesche e rimandi recenti; le parole sono importanti e i suoi testi mal celano quella parvenza di ingenuità di cui è ammantata.

Il disco è informale al punto giusto, ed è un giocoso inganno che caratterizza il suo spirito libero; le dinamiche che l’hanno ispirata rappresentano un inizio di “free climber” verso una montagna che sembra attrarla, ma che forse scalarla tutta d’un colpo spaventa un pò.

La cantautrice romana ce la mette tutta per dare quel tocco impegnato, fatto di flash contaminati, di pose plastiche da foto in bianco e nero d’altri tempi.

“Let Me Get In” ad esempio sfiora con accenno involontario un tema della saga filmica di Ian Fleming, o “Noi” il brano che chiude il disco ricorda vagamente il periodo misandrico degli anni 70, con degno finale da circo Felliniano.

“Dondolo e Mondo Mio” sono forse le canzoni più musicalmente ardite dell’album, peccato non abbia perseguito fino in fondo quel suo modo incosciente di mischiare i colori dalla tavolozza intrisa di innumerevoli tinte; è come se avesse tirato un freno a mano sulla parte più incosciente e temeraria della sua idea di musica.

Il disco, per essere un esordio, è un lavoro compiuto e ben bilanciato tra forma e sostanza, ma come dicevo, forse poteva azzardare di più.

Sette brani che si ascoltano con vero piacere e che le predicono un bel percorso musicale.

Prince Faster

 

 

Leila02_PH_Benedetto_dell'ariccia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TRACKLIST:

01 Dondolo
02 Mondo mio
03 S’è fatto tardi
04 Sara
05 Uh
06 Let me get in
07 Noi

FORMAZIONE:

Leila: voce, chitarra, piano, elettronica
Francesco Saguto: chitarra elettrica
Carmine Iuvone: basso, ukulele basso, violoncello
Federico Leo: batteria, bodhran
Ynaktera: elettronica

www.leilamusica.com
www.facebook.com/musicaleila