Mangiare a Roma La Bottega il ristorantino che sorprende

0
712
La _Bottega_ristorante Roma

Credo che di piattaforme, portali, giornali on line che trattano di cibo, di ristoranti ce ne siano almeno un milione, e lo credo bene visto che siamo nella patria del cibo, dove la cosa che si fa più spesso è quella di “andiamo a cena fuori”.

Questa rubrichetta una tantum, non vuole e non sarà una alternativa al mondo del cibo, “mangiare a Roma” vuole dare solo dei consigli a chi vuole farsi una mangiata e magari non spendere un patrimonio.

“La Bottega” è un buon luogo dove mangiare; il locale è arredato stile industriale (come va tanto in questo periodo) ma si trova fuori dalle deliranti rotte commerciali trendy, fighette, vedi Ponte Milvio, Monte Sacro, per non parlare di Monti o dell’oramai stra battuto Pigneto dove trovi la qualunque dietro ogni angolo, e se trovi un angolo ancora libero, beh dopo due giorni ecco che ti apre un bistrot, un pub, una aperitiveria ecc..

Per mangiare a “La Bottega” devi andare in Viale Battista Bardanzellu 27zona Colli Anieni, in quella zona la sera non c’è niente di aperto, non ci sono neanche i soliti “bangla” pensate un pò.

Così i ragazzi della Bottega, rischiando davvero l’osso del collo, hanno rilevato un vecchio Pub e lo hanno trasformato in un luogo “altro” dove si mangia, hanno avuto ragione.

Ci sono stato tre volte per assicurarmi che il resoconto fosse il più onesto possibile.

Non si spendono cifre astronomiche, per cui non dovrete accendere un mutuo per mangiare un primo, il ristorante ha una piccola ma discreta carta dei vini, lo chef ha creato dei piatti davvero particolari, un rischio se pensate che il locale si trova ai confini della periferia romana.

Ho mangiato:

INVOLTINO DI PASTA KATAIFI RIPIENO CON PROVOLA AFFUMICATA,

ORECCHIETTE CON MELANZANE PACHINO SCAGLIE DI RICOTTA SALATA E PORRO FRITTO,

PACCHERI DI GRAGNANO FRITTI RIPIENI DI RICOTTA e bufala campana Dop accompagnati da coulis di pachino,

PETTO DI POLLO IN PANATURA DI CORN FLAKES SERVITO CON SALSA AGRODOLCE,

tagliata di manzo extra (un po debole per la verità) , patate al forno, cicoria ripassata e qualche dolce fatti in casa; ovviamente non stiamo parlando di chef stellato, però ce la mette davvero tutta per personalizzare il più possibile i piatti.

Le materie prime sono fresche e di ottima qualità, i piatti sono ben presentati,.

Ma la domanda fondamentale è: Come si mangia!?!? direi bene.

Giuste le porzioni che sono preparate con amore e passione dallo chef (di cui ignoro il nome, e me ne scuso), se sbagliano un piatto (può capitare) te lo riportano e non te lo mettono sul conto, come ci è capitato.

Personale giovane e gentile, le ragazze che si occupano di servire ai tavoli si danno un gran da fare, anche se nei giorni di piena, vedi il venerdi e il sabato, ogni tanto si perdono, ma sono cose che capitano.

Il servizio è abbastanza veloce, ma consiglierei di aumentare il personale nei giorni di massima affluenza.

Rafforzerei la sezione dolci che trovo un po troppo “minimal”.

La _Bottega_ristorante Roma

Conclusione:

Per quel poco che ne capisco, posso affermare da frequentatore di ristoranti, che La Bottega è il posto giusto per una cena informale e divertente, c’è passione e fantasia nei piatti che trovo diversi dalla gran massa di locali che tendono a tutti i costi di tendere alle tendenze.

QUI trovate il menù che varia a seconda dei periodi.

Spero di essere stato sufficientemente esaustivo e, buona cena.

P.S. in estate hanno uno spazio all’aperto.

Prince Faster