Nobraino e Kutso live Orion il report 22 marzo 2014

0
459

Un doppio concerto ieri sera (22 marzo 2014) all’Orion.

Ottima la prestazione dei travolgenti Kutso, coinvolgono, divertono e si divertono, strafanno e picchiano duro, se ne accorgono anche i Nobraino che ufficializzano la brillante prova della band di Roma proprio dalla viva voce di Lorenzo Kruger che molto preoccupato ammette che dopo i Kutso sarà difficile fare di meglio, e in realtà di meglio non riescono a fare, complice forse il loro fonico che non riesce ad utilizzare con perizia il macchinario messo in campo del locale.

Inneschi di microfono continui, fischi effetto larsen, pochissimi bassi, ed un balance che non riesce mai a rendere onore ai nostri eroi arrivati dalla riviera romagnola, peccato perchè con i Kutso l’impianto suonava davvero bene, forse anche troppo.

Tutto sommato i Nobraino fanno la loro figura, si danno da fare anche se le continue estenuanti pause dovute alla troppa esuberante loquacità di Lorenzo non fanno bene allo spettacolo, spesso parla non sapendo proprio cosa dire e talvolta se ne rende anche conto, così come se ne rendono conto i tanti giovinotti del pubblico. Musicalmente normodotati, i testi sono buoni e divertenti quanto basta ma senza esagerare, si lanciano addirittura in un brano strumentale senza averne le doti tecniche…ma forse era un gioco visto che hanno tentato di suonare la sigla della serie televisiva di “Benny Hill Show”, però esagerano quando devastano un brano di De Andrè dicendo che la loro versione è anche più bella…contenti loro, noi no.

RomaSuona

WP_20140322_001