Orlando pubblica Ogni cosa accadrà certamente

0
250
orlando

Se ogni cosa accadrà certamente, allora la cosa si fa seria; Alessandro Orlando in questo disco d’esordio racconta cose che forse sono accadute, ma certamente le racconta bene.

Sembra di ascoltare un cantautore d’altri tempi ma, con questo non voglio relegare Orlando nel mondo dei passati o passatisti,  o peggio ancora del “erano meglio i cantautori di una volta” anche perchè una volta potrebbe essere anche ieri, e/o comunque mi capita spesso di ascoltare nuovi cantautori, e molto giovani, cantare come alcuni cantautori degli anni 70; ora, premesso che questo non è un male, Orlando ripercorre quel tratto di strada che si consuma tra gli anni settanta ed oggi, un percorso lungo e tutti in discesa visto che il disco ha tra le tante peculiarità quella di essere arrangiato meravigliosamente bene, cosa oggi, rara e poco battuta.

Ad Alessandro non basta una semplice chitarra per scrivere canzoni, no, Orlando scrive canzoni con degli arrangiamenti efficaci e sorprendenti. La sua voce ricorda molto da lontano, l’Alberto Fortis dei momenti migliori, ma lui scrive meglio del milanese.

I profumi musicali di altri cantautori ci sono e sovente emergono, vedi ad esempio “semplicemente giusto” dove si palesa un Edoardo Bennato geneticamente modificato.

Il disco è, viva dio, scritto molto bene, testi chiari e di forte critica anche sociale, Alessandro Orlando si avvale di musicisti di primissimo livello e si sente.

“Ascoltando con attenzione questa prima fatica di Orlando, percepirete subito questi elementi, è un ragazzo davvero speciale, per la sua cultura e la sua curiosità, ma soprattutto per la sua sensibilità e maturità artistica. Non a caso è un grande ascoltatore di musica, nonchè appassionato lettore di libri. Tutto questo si riflette nella poeticità e originalità dei testi, dove sicuramente troverete delle frasi e dei pensieri che avrete formulato nella vostra mente ma non avete mai avuto il modo di esternare.”