Casablanca/Max Zanotti live il 6 maggio al Dissesto Musicale di Tivoli

0
47

“Statue di sale” è il nuovo singolo dei Casablanca, iconica rock band guidata dai due ex Deasonika Max Zanotti e Stefano Facchi. Il terzo estratto da “Il lato oscuro” è una splendida ballad senza tempo: «Statue di sale ci rappresenta immobili e apatici in stanze vuote. Tutto è lento e lontano da noi. Ci sgretoliamo al minimo accenno di confronto in un’ esplosione di paure». PRESAVE (uscita 6 maggio)


La band è attesa in concerto venerdì 6 maggio a Tivoli (Roma) al Dissesto Musicale in strada del Barco 7 a Bagni di Tivoli. La band presenterà l’intero nuovo album “Il lato oscuro” in anteprima compresi i singoli già estratti “Nella sete” e “Il cane cieco”. Prima dei Casablanca si esibirà la band guidata da Maurizio Tavani (Droning Maud / En Declin) vincitrice del contest creato sul singolo “Il cane cieco”. Ad aprire la serata (inizio alle 22:00) anche Frank Poluci e Labissodeigiorniavenire .
Ingresso 5 € per i tesserati Arci (10 € per i non tesserati).
La band guidata dai due ex 

DeasonikaMax Zanotti (voce chitarra) e StefanoFacchi (batteria) coadiuvati da AntonioMesisca (basso) e RosarioLoMonaco (chitarra), torna con un nuovo album intitolato “Il lato oscuro” (su CD, MC e LP Limited per Vrec/Audioglobe)  che riporta l’attenzione sul rock più abrasivo e urticante ma con l’eleganza dei testi di Zanotti che riescono ad essere taglienti ed universali allo stesso tempo. L’intero album, è stato prodotto da Max Zanotti e mixato da Alberto Bonardi presso lo Spire Studio (Ronago). L’artwork del progetto è composto da diverse opere originali del “painterpunkrocker” Rufoismwww.rufoism.com
Come altri recenti progetti dell’etichetta (Andrea ChimentiOldenFlavio Ferri) anche il disco dei CASABLANCA “Il Lato Oscuro” non sarà disponibile nella sua interezza sui portali digitali. Saranno scelti 4 singoli mentre l’intero album sarà ascoltabile esclusivamente acquistando un supporto fisico (CD / LP / MC). Una scelta forte per valorizzare progetti di qualità e spessore che meritano una dignità di ascolto.